Siamo in grado di risparmiare denaro e natura?

Vivere in una casa sana ai tempi del Coronavirus
23 Aprile 2020
Ho davvero un involucro efficiente?
1 Maggio 2020

Prima della crisi energetica, un discussione dell’antica architettura greca non avrebbe nemmeno menzionato la parola «energia”. Gli antichi greci, tuttavia, divennero consapevoli dei problemi energetici

La bella e aspra terra su cui costruirono i loro monumenti divenne sfregiata ed erosa perché le foreste furono saccheggiate per ottenere legna utile a riscaldare i loro edifici.

Le parole del filosofo Platone ci raccontano : “Tutto il più ricco e più morbido panorama si è trasformato e rimane il semplice scheletro della terra”.



Pianta e sezione di una casa a “prostas” di Priene


Gli antichi greci risposero alla loro crisi energetica in parte utilizzando l’energia solare.
Il filosofo Socrate pensava che questo fosse abbastanza importante da costringerlo a spiegare il nuovo metodo di progettazione degli edifici. Secondo quanto riportato dallo storico Senofonte, Socrate disse:


“Nelle case che guardano verso sud, il sole penetra il portico in inverno mentre in estate il percorso del sole è proprio sopra le nostre teste e sopra il tetto in modo che ci sia ombra”


facendo intendere che il disegno di pianta degli edifici già si realizzava guardando all’orientamento rispetto al sole e con un principio che oggi definiremmo bioclimatico.

Nell’antichità non esistevano gli attuali impianti di riscaldamento ne tantomeno quelli di raffrescamento, eppure le stagioni climatiche c’erano allora come oggi.


pianta della città di Priene

Nell’antica Grecia gli edifici erano costruiti intorno ad un cortile porticato, le strade su cui sorgevano gli edifici correvano sull’asse est-ovest, e gli edifici avevano i locali più importanti rivolti verso sud così da accumulare il calore della giornata invernale.
I Greci quindi costruivano le case seguendo già i principi basilari della microclimatica.

La riflessione è quasi immediata… la nostra civiltà così evoluta riesce a riacquisire delle conoscenze di base o siamo solo in grado di lamentarci del prezzo del petrolio?
Io credo invece, che abbiamo perfettamente la capacità di risparmiare denaro e natura.
R.B.